Norme antiriciclaggio

A partire dal 1° gennaio 2014 è previsto l’obbligo per i possessori di un conto corrente, di presentarsi in filiale per consegnare una nuova copia dei documenti di identità (o di inviarli via fax o in formato elettronico) e firmare una informativa anti-riciclaggio sul patrimonio personale. Pena il blocco del conto corrente se non si provvede a fornire entro 60 giorni dalla notifica la documentazione richiesta.

DDT – Documento di Trasporto

a cura di Edisplay – Gestionale V5

ATTENZIONE: Variazione aliquota IVA al 21%

In applicazione delle nuove norme introdotte con la manovra finanziaria, a partire da sabato 17 settembre 2011, l’aliquota IVA 20 % passerà al 21%. Per saperne di più http://www.lafattura.com/guide/index.php/iva-21-entrata-in-vigore-ed-esigibilita-dl-1382011/

Il Documento di trasporto o DDT è stato introdotto in sostituzione della bolla di accompagnamento, la cui obbligatorietà è stata abrogata con il Dpr 14 agosto 1996 n° 472.
Deve essere emesso prima della consegna o della spedizione della merce con l’indicazione degli elementi principali dell’operazione. Non occorre emettere il documento di trasporto per le consegne dei beni ceduti con fatturazione “immediata”, in questo caso la fattura deve essere emessa entro le ore 24 dello stesso giorno di consegna dei beni. Il documento è in formato libero, ossia senza nessun vincolo di forma, dimensioni o tracciato. Deve essere emesso in due copie: una deve essere trattenuta e conservata dall’emittente; l’altra deve essere consegnata al cessionario, in accompagnamento della merce ceduta e trasportata. Il documento deve riportare i seguenti dati:

  • il numero progressivo.
  • la data.
  • Le generalità del cedente, del cessionario e dell’eventuale soggetto incaricato del trasporto.
  • la quantità dei beni trasportati.
  • la descrizione dei beni trasportati con l´indicazione della natura e qualità
    degli stessi. La quantità può essere espressa solo in cifre.

    È obbligatorio emettere il documento di trasporto nei casi di fatturazione differita e di movimentazione di beni a titolo non traslativo. In quest’ultimo caso è necessario indicare la causale non traslativa del trasporto ( deposito, lavorazione, commissione,passaggi interni, ecc..).

    Di seguito un esempio:

    video “come creare un DDT”
    video “fattura riepilogativa da DDT”

    Scheda di Trasporto

    Sono esenti dall’obbligo di compilazione e conservazione della scheda di trasporto i veicoli che effettuano trasporti in conto proprio, nonchè quelli che sono espressamente esclusi dal campo di applicazione della legge 6 giugno 1974, n. 298, ai sensi dell’art. 30 ( sono casi particolari come forze armate, carri funebri ecc). Sono inoltre esenti dall’obbligo di tenuta del documento anche i trasporti di collettame effettuati per conto di terzi, tale disposizione è da intendersi riferita ad un operazione effettuata sullo stesso veicolo, sul quale sono caricate partite di merci ciascuna di peso inferiore alle 5 tonnellate, individuabili da idonea documentazione presente sul veicolo medesimo.
    Alternativamente alla scheda di trasporto si può utilizzare il Documento di trasporto, opportunamente integrato con i dati riuchiesti per la scheda di trasporto.
    Il modello ed il contenuto della scheda di trasporto è stato sancito dall’art 1 del D.M. 554/2009  per visualizzarlo eseguire un click sul seguente link  http://www.poliziastato.it/pds/file/files/Circolare_operativa_scheda_di_trasporto_DM_554_2009.pdf
    ed andare a pagina 16 del PDF© . Nello stesso documento troverete tutte le informazioni riguardanti la scheda di trasporto.

    Scarica gratuitamente Mind software con agenda perpetua, rubrica, scadenzario e tante altre utility. Con possibilità di condivedere il tutto in una rete LAN e pubblicare gli appuntamenti direttamente su Google Calendar©

    novembre: 2014
    L M M G V S D
    « ott    
      1 2
    3 4 5 6 7 8 9
    10 11 12 13 14 15 16
    17 18 19 20 21 22 23
    24 25 26 27 28 29 30