Fatturazione elettronica

Il 06 Giugno 2014 entra in vigore l'obbligo di fatturazione elettronica per i rapporti con le Amministrazioni Pubbliche.
E' gratuitamente a disposizione delle imprese il portale www.acquistinretapa.it che previa registrazione, permette di generare, trasmettere e conservare la fattura elettronica nel formato previsto dal sistema SDI

Norme antiriciclaggio

A partire dal 1° gennaio 2014 è previsto l’obbligo per i possessori di un conto corrente, di presentarsi in filiale per consegnare una nuova copia dei documenti di identità (o di inviarli via fax o in formato elettronico) e firmare una informativa anti-riciclaggio sul patrimonio personale. Pena il blocco del conto corrente se non si provvede a fornire entro 60 giorni dalla notifica la documentazione richiesta.

La fattura

La Fattura

a cura di Edisplay – Gestionale V5

Aggiornato  in base alla Legge di Stabilità 2013

Nuove regole fatturazione

  • Numerazione fatture: occorre associare al numero progressivo l’anno di riferimento ( risoluzione Agenzia Entrate n.1/E del 10/01/2013).    Es 0001/2013, 0002/2013, 0003/2013 ecc
  • E’ sempre obbligatorio indicare la Partita IVA e/o Codice Fiscale del cliente.
  • Nuove regole per la fattura elettronica
  • E’ possibile emettere fattura differita al 15 del mese successivo anche per le prestazioni di servizi.
  • Fattura semplificata
  • Dal 1 gennaio 2013 è possibile emettere fatture tramite registratore fiscale.
  • Obbligo di emissione fattura:
    • Verso soggetti passivi comunitari
    • debitori d’imposta nel loro stato
    • per tutte le operazioni extraterritoriali ex artt da 7 a 7 septies e per le cessioni di beni e le prestazioni di servizi che si considerano extra UE

    Tutte queste operazioni verranno registrate ed andranno ad aumentare il Volume d’affari

  • Non è più obbligatorio citare l’art. di legge nei casi di mancato calcolo dell’Iva, ma è necessario indicare solo l’annotazione corretta:
    • “operazione non soggetta ” ( equivalente è operazione Fuori Campo IVA)
    • “operazione non imponibile”
    • “operazione esente”
    • “regime del margine – beni usati” / “regime del margine – oggetti d’arte” / “regime del margine – oggetti d’antiquariato o da collezione”
    • “regime del margine – agenzie di viaggio “
    • “inversione contabile”
    • ” autofatturazione”
  • Ai fini IVA il momento impositivo nelle cessioni e negli acquisti intracomunitari, sia per il cedente che per il cessionario, coincide con la “partenza dei beni dal territorio di origine

———————————–

ATTENZIONE: Variazione aliquota IVA al 21%
In applicazione delle nuove norme introdotte con la manovra finanziaria, a partire da sabato 17 settembre 2011, l’aliquota IVA 20 % passerà al 21%. Per saperne di più http://www.lafattura.com/guide/index.php/iva-21-entrata-in-vigore-ed-esigibilita-dl-1382011/

L’obbligo di fatturazione delle operazioni effettuate costituisce un adempimento fondamentale nel sistema Iva.
È stabilito che la fattura deve essere emessa “per ciascuna operazione”. L’obbligo ha carattere generale, anche se sono previste diverse eccezioni, come ad esempio per le attività di commercio al minuto, per la quale è richiesta la certificazione dei corrispettivi mediante rilascio di scontrino fiscale o ricevuta fiscale.
La fattura è un documento fiscale obbligatorio, emesso da un soggetto fiscale per comprovare l’avvenuta cessione di beni o prestazione di servizi ed il diritto a riscuoterne il prezzo. (guarda un esempio di modello fattura )
Tramite la fatturazione vengono documentate le operazioni rilevanti ai fini IVA (imponibili, esenti e non imponibili) e costituisce il necessario presupposto per l’applicazione dei principi della “rivalsa” e della “detrazione”.
La fattura risponde non solo alle esigenze di documentazione e controllo, ma costituisce anche il titolo che legittima il cedente (per i beni) o il prestatore ( per i servizi) ad esercitare la rivalsa e l’acquirente o il committente ad operare la detrazione.

Video “Creare una fattura con il Gestionale V5 “

Ciò che qualifica la fattura non è il nome attribuito al documento ( nota, conto, parcella o simili) ma la presenza degli elementi richiesti per legge.
La fattura deve contenere le seguenti indicazioni:

  • Data di emissione. Corrisponde al momento di consegna o spedizione della stessa.
    In base all’art 21 comma 1 del D.P.R. 633/72, la fattura si ha per emessa all’atto della sua consegna o spedizione all’altra parte.
    Secondo le risoluzioni dell’Agenzia delle Entrate (107/E e 202/E del 2001) l’emissione può essere effettuata tramite:
    - consegna manuale
    - spedizione per posta
    - servizio di posta elettronica,procedure informatiche di ogni tipo.
  • Numero progressivo. Possono essere utilizzate gamme numeriche separate in funzione delle varie esigenze aziendali- per tipologia di prodotto, per zona di vendita, per tipologia di mercato ecc.
  • Ditta, Denominazione o Ragione Sociale, Residenza o Domicilio dei soggetti fra cui è effettuata l’operazione, nonché l’ubicazione della stabile organizzazioneper i non residenti, va infine indicato il numero di partita Iva o codicefiscale. Per le società soggette all’obbligo dell’iscrizione nel registrodelle imprese, occorre indicare i dati relativi a tale iscrizione e glialtri obbligatori per le disposizioni civilistiche (art. 2250 cod. civ.);
  • Natura, qualità e quantità dei beni e dei servizi formanti oggetto dell’operazione. Deve inoltre contenere, i corrispettivi e tutti gli elementi di calcolo per la determinazione della base imponibile, nonché l’aliquota applicabile ai singoli beni o servizi;
  • Base imponibile. Rappresenta l’importo su cui va applicata l’Iva. Essa è costituita dall’ammontare complessivo dei corrispettivi dovuti contrattualmente. Partecipano alla base imponibile: le spese accessorie sostenute dal fornitore (trasporto, posa in opera, imballo, confezionamento ecc. Seguono la stessa disciplina Iva prevista per l’operazione principale) gli oneri e i debiti accollati all’acquirente e le integrazioni dovute a terzi.
  • Valore normale degli altri beni ceduti a titolo di sconto, premio o abbuono;
  • Aliquota percentuale e ammontare dell’imposta. In caso di merci sottoposte ad aliquote diverse si devono indicare distintamente, per ogni gruppo imponibile, aliquota e imposta con arrotondamento al centesimo di euro per eccesso, se la frazione non è inferiore a € 0,005 e per difetto, se la frazione è inferiore a tale ammontare. Con l’avvento dell’euro gli importi da contabilizzare e da pagare vanno riportati fino alla seconda cifra decimale.
  • Articolo di legge per le operazioni : Esenti, non imponibili e non soggette.
  • Il numero e la data dei relativi documenti (D.D.T.) in caso di fattura differita.
  • Estremi dichiarazioni intento per le cessioni ad esportatori abituali
  • Numero identificativo di Iva attribuito dallo stato estero al cessionario ocommittente per operazioni intracomunitario.
  • Eventuale indicazione “Fattura ad esigibilità immediata” per operazioni con lo Stato ed altri enti pubblici.

Le fatture trasmesse tramite un sistema di posta elettronica si considerano regolarmente “emesse”, in quanto i dati relativi alle operazioni rilevanti ai fini Iva vengono “materializzati” in documenti aventi lo stesso contenuto per l’emittente e per il ricevente, nel rispetto dei termini previsti dalla legge, a prescindere delle diverse tecnologie utilizzabili (R.M. 30 luglio 1990 n° 450217).
Le fatture cosi spedite dovranno obbligatoriamente essere materializzate dal ricevente mediante un’operazione di stampa, in quanto tali documenti vengono considerati a tutt’oggi dei documenti cartacei
L’invio per posta elettronica dei documenti si estrinseca in una serie di utilità :
- si dimezzano i normali costi sostenuti per la fatturazione dato che
vengono ripartiti col cliente (ognuno si stampa la propria copia della
fattura).
- permette un considerevole risparmio di tempo in quanto non occorre
allontanarsi dall’ufficio per recapitare il documento.
- dell’invio rimane una traccia facilmente individuabile nel nostro account
di posta elettronica.
- il trasferimento del documento è istantaneo e si elimina qualsiasi
dubbio sull’effettivo ricevimento da parte del cliente.
- permette di avere una contabilità più ordinata.

La fattura deve essere emessa in duplice esemplare, dal soggetto che effettua la cessione o la prestazione, al momento di effettuazione dell’operazione ed uno degli esemplari (l’originale) deve essere consegnato o spedito all’altra parte.

    Fatture immediate
    La fattura deve essere emessa (consegnata o spedita al cessionario o committente) nello stesso giorno di effettuazione dell’operazione, cioè entro le ore 24 dello stesso giorno in cui l’operazione è effettuata.
    In caso di cessione di beni non è obbligatorio che la fattura immediata accompagni gli stessi, è sufficiente che la stessa sia spedita o consegnata all’altra parte entro le ore 24 dello stesso giorno di spedizione delle merci.
    Onde evitare complicazioni è sempre bene quando possibile, accompagnare la merce con un documento, sia che esso sia una fattura “immediata” o un documento di trasporto.
    Fatture differite
    Per le cessioni di beni per le quali sia stato emesso il documento di trasporto si può emettere la fattura “differita”, entro il giorno 15 del mese successivo a quello di consegna. Ciò consente di raggruppare in un’unica fattura tutte le consegne fatte allo stesso cliente, nel corso dello stesso mese solare. Sulla fattura (c.d. riepilogativa) si devono obbligatoriamente indicare gli estremi (data e numero) dei ddt ripresi nella stessa .
    Se anteriormente all’emissione dei documenti di trasporto, ha luogo il pagamento, totale o parziale, del corrispettivo, il cedente deve emettere la relativa fattura immediata lo stesso giorno del pagamento. Se invece il pagamento avviene contestualmente o successivamente all’emissione dei suddetti documenti, esso non fa venire meno la facoltà di emettere fattura differita.
    L’Iva relativa alle fatture differite si inserisce nella liquidazione relativa al mese di consegna o spedizione della merce.

Video “Fatture immediate, fatture differite, fatture riepilogative di ddt con il Gestionale V5″

  • Scarica gratuitamente Mind software con agenda perpetua, rubrica, scadenzario e tante altre utility. Con possibilità di condivedere il tutto in una rete LAN e pubblicare gli appuntamenti direttamente su Google Calendar©

aprile: 2014
L M M G V S D
« mar    
  1 2 3 4 5 6
7 8 9 10 11 12 13
14 15 16 17 18 19 20
21 22 23 24 25 26 27
28 29 30